Passo dello Stelvio

Con un'altitudine di 2.758 metri sul livello del mare e i suoi 25 chilometri di tornanti, il passo dello Stelvio è uno dei valichi più alti e famosi d’Europa.

Con un'altitudine di 2.758 metri sul livello del mare e i suoi 25 chilometri di tornanti, il passo dello Stelvio è uno dei valichi più alti e famosi d’Europa. Situato tra Lombardia e Trentino-Alto Adige, nei pressi del confine con la Svizzera, offre numerose opportunità per gli sportivi.

Apertura, chiusura e viabilità del Passo dello Stelvio

Il passo rimane aperto durante la stagione estiva su entrambi i versanti. A causa della sua altitudine, che rende le condizioni meteorologiche proibitive già durante l'autunno, rimane invece chiuso durante il periodo invernale, indicativamente tra ottobre e maggio.

Maggiori informazioni: viabilità passo dello Stelvio

Come gli altri passi alpini, in caso di avverse condizioni atmosferiche il Passo dello Stelvio potrebbe essere soggetto a chiusura temporanea. Si consiglia di informarsi prima di intraprendere un viaggio.

Nonostante se ne parli da diversi anni, al momento il pedaggio per l'accesso al Passo dello Stelvio non è ancora stato confermato.

Vedi anche: Meteo Passo dello Stelvio

Informazioni sulla viabilità

  • Polizia Stradale di Sondrio Tel. +39 0342 545011
  • Carabinieri di Bormio Tel. +39 0342 903700
  • Ufficio Informazioni Bormio Tel. +39 0342 903300

Cenni storici

La realizzazione del passo dello Stelvio risale all’inizio dell’800, quando l’imperatore Francesco I d’Austria decise di far costruire una nuova strada che collegasse la Val Venosta e Milano. L’apertura del passo dello Stelvio arrivò dopo 3 anni di lavoro ed esso divenne da subito uno snodo fondamentale per il trasporto di merci.

Nel corso della Prima Guerra Mondiale fu teatro di violenti scontri tra le truppe austriache e quelle italiane (si trovava esattamente al confine tra i due Paesi). Al termine del conflitto entrambi i versanti del passo divennero italiani.

Sciare allo Stelvio

Il passo dello Stelvio è una rinomata località per gli amanti di molteplici attività sportive. Consente agli atleti (professionisti, ma anche dilettanti) di praticare la propria disciplina preferita in una cornice davvero suggestiva.

In particolare, lo sci estivo allo Stelvio è oggi un appuntamento immancabile per gli amanti della neve, che possono usufruire delle splendide piste e delle efficienti strutture in grado di consentire a tutti di sciare allo Stelvio con la massima sicurezza.

Tante sono infatti le scuole di sci presenti in zona, così come le strutture alberghiere che offrono la possibilità di soggiornare in prossimità delle piste e gustare dell’ottimo cibo valtellinese. Dal parcheggio è possibile raggiungere rapidamente quota 3000 mt; le piste sono servite da 4 skilift e 2 funivie che permettono di sciare su chilometri e chilometri di tracciati perfettamente battuti anche in estate.

Maggiori informazioni: Ski Area Passo dello Stelvio

Sci di Fondo allo Stelvio

Le piste dello Stelvio consentono anche, a tutti gli appassionati, di poter praticare lo sci di fondo, antica disciplina nata nei paesi nordici dall’esigenza di muoversi e andare a caccia nei mesi invernali, nonostante la neve alta. Ai nostri giorni il cosiddetto "sci nordico" è invece lo sport perfetto per chi desidera tenersi in forma divertendosi a “scivolare” sulla neve.

Nei dintorni del passo è possibile praticare questo sport all'interno di piste adeguatamente preparate e omologate anche per le gare ufficiali, posizionate direttamente sul ghiacciaio dello Stelvio. Il paesaggio maestoso e silenzioso e la neve che riflette i raggi del sole, provocano uno scintillio magico che completa l’atmosfera rendendo unica e particolare questa esperienza.

Passo dello Stelvio in bici da corsa

Il passo dello Stelvio in bici da corsa è una delle sfide più dure in assoluto, nonchè una delle mete preferite e più conosciute dagli appassionati di ciclismo. La salita dello Stelvio è infatti un’aspirazione e al tempo stesso un sogno per tantissimi amanti della bicicletta.

Il passo dello Stelvio è stato reso celebre dai numerosi passaggi del Giro d'Italia, di cui è considerato la Cima Coppi per antonomasia, cioè la vetta più elevata raggiunta dalla corsa Rosa.

È certamente una prova da affrontare solo se si ha la necessaria preparazione fisica e la dovuta determinazione mentale. La salita è resa ancora più dura dall’altitudine, oltre 2.750 m di quota, e dalle pendenze che raggiungono anche il 14%.

Stelvio in bicicletta: i diversi itinerari

Ci sono diversi itinerari per chi decide di affrontare la salita in sella alla propria bicicletta, due dei quali interamente in territorio italiano: uno con partenza da Bormio, in Valtellina, l’altro con partenza da Prato allo Stelvio, in Val Venosta. Entrambi conducono fino a quota 2.758m, sul passo asfaltato più alto d’Italia e secondo in Europa. Chi invece desidera affrontare il percorso da un altro punto di vista, può invece valutare la salita dal versante elvetico, con partenza da Santa Maria, in Val Monastero, attraverso il passo dell’Umbrail.

Passo dello Stelvio da Prato allo Stelvio

La salita al versante altoatesino del passo dello Stelvio, con partenza da Prato allo Stelvio, è una delle più impegnative, ma anche delle più belle strade di montagna di tutto l’arco alpino. Ogni anno numerosi ciclisti da tutto il mondo decidono di affrontare la sfida ai suoi 48 tornanti, in cerca di nuove esperienze, sia da un punto di vista paesaggistico che da quello sportivo. Dopo il primo tratto nel bosco, con pendenze non elevate, la vallata si apre e lascia intravedere il famoso "serpentone" di tornanti che conduce al passo. Gli ultimi 6 km di salita non danno tregua, con la pendenza non scende mai sotto l’8%.

Dettagli itinerario
  • Lunghezza: 25 km
  • Altitudine partenza: 918 m
  • Altitudine arrivo: 2758 m
  • Dislivello: 1842 m
  • Pendenza: 7,2% (Max 14%)

 Vedi itinerario per bici da corsa: Passo dello Stelvio da Prato allo Stelvio

Passo dello Stelvio da Bormio

Il percorso che parte da Bormio e risale il versante valtellinese è considerato il più facile dei tre, nonostante i 21,5 km, l'incredibile dislivello di 1.533 metri e la pendenza media del 7,1%. La salita inizia subito con una discreta pendenza che, dopo pochi tornanti, conduce ad alcune gallerie scavate nella roccia. Qui è bene prestare la massima attenzione, per la scarsa illuminazione e per il traffico, sempre piuttosto sostenuto. Superato questo punto, ci si trova dinanzi il tratto più impegnativo, che presenta ben 14 tornanti a pendenza costante. Dopo il successivo rettilineo, si inizia a intravedere il passo, che sembra comunque rimanere una meta irraggiungibile. Qui, in particolar modo negli ultimi 3 km, la pendenza non scende mai sotto l’8%, l’ultima fatica prima di ottenere l'immensa soddisfazione di avere raggiunto il passo, così come fecero i ciclisti che lo resero leggendario. Tra questi vi è sicuramente Fausto Coppi, al quale è stato dedicato un monumento proprio sulla vetta.

Dettagli itinerario
  • Lunghezza: 21,5 km
  • Altitudine partenza: 1.215 m
  • Altitudine arrivo: 2.758 m
  • Dislivello: 1.533 m
  • Pendenza: 7,1% (Max 11%)

 Vedi itinerario per bici da corsa: Passo dello Stelvio da Bormio

Passo dello Stelvio da Santa Maria

La terza variante di salita è quella che transita in territorio svizzero e interseca la salita da Bormio a pochi km dall’arrivo, proprio in corrispondenza dell’Umbraill Pass. E' il versante meno conosciuto e meno frequentato, con partenza da Santa Maria Val Müstair, a quota 1.375 metri.

La salita (13 km e 1.130 metri di dislivello) è sostanzialmente tutta pedalabile. Il tratto più duro è quello iniziale, nei primi km dopo Santa Maria, con stretti tornanti intorno al 10%. Una volta usciti dalla vegetazione del fondovalle, la strada si distende in interminabili rettilinei nei quali la pendenza si fa costante, ma non per questo meno impegnativa. Dopo l'ultimo tratto di circa un chilometro, in cui la salita diventa più dura, si attraversa il confine italo-svizzero e si arriva su uno spiazzo con un bivio. Da qui è possibile scendere verso Bormio, oppure continuare a salire per altri 3 km fino a raggiungere il Passo dello Stelvio.

Dettagli itinerario

  • Lunghezza: 16,3 km
  • Altitudine partenza: 1.375 m
  • Altitudine arrivo: 2.758 m
  • Dislivello: 1.498 m
  • Pendenza: 9,2%

Consigli di salita

Dato il traffico piuttosto sostenuto presente sul passo, tra auto, camper, moto e altri ciclisti, è consigliabile affrontare la salita partendo al mattino presto. Vista la quota elevata e il clima tipico dell'alta montagna (in certe giornate di fine agosto-inizio settembre, la temperatura in vetta è intorno agli 0º)., è inoltre indispensabile portare con sè l’abbigliamento adeguato, come per esempio guanti lunghi, manicotti e gambali.

Passo dello Stelvio in moto

Il passo dello Stelvio in moto è una salita che qualunque motociclista dovrebbe affrontare almeno una volta nella vita. un itinerario di viaggio unico, grazie ai suoi 48 tornanti e alle sue curve immerse in un magico scenario d'alta quota.

Itinerari in moto

Così come per chi sceglie la bicicletta, anche i motociclisti hanno tre diverse possibilità nella scelta dell'itinerario da seguire verso il valico:

  • Salita dal versante altoatesino - Partendo da Prato allo Stelvio, in provincia di Bolzano, si sale lungo il famoso "serpentone" di tornanti, protagonista dei migliori scatti fotografici, che si inerpica lungo il fianco della montagna. La strada ha una pendenza moderata fino al comune di Trafoi, dopo di cui si avverte un deciso cambio di rotta. Dopo circa 25 chilometri si giunge sul passo. Da qui si prosegue in discesa fino a Bormio, in Valtellina.
  • Salita dal versante lombardo - La salita al passo dello Stelvio da Bormio è più dolce rispetto al versante altoatesino: si percorrono poco meno di 40 tornanti su una strada piuttosto larga, per un totale di 22 chilometri. Una volta giunti al passo, si prosegue in discesa fino a Prato allo Stelvio.
  • Salita dal versante svizzero - Nonostante sia poco conosciuto e meno frequentato rispetto agli altri itinerari, anche a causa della strada piuttosto stretta e del manto stradale che in passato non era completamente asfaltato, il versante svizzero offre degli scorci davvero memorabili. Si parte dalla località Santa Maria, in Val Monastero, in direzione del Passo Umbrail. Da qui ci si collega alla SS38, che sale da Bormio.

Qualunque sia il versante scelto, ricordati che il passo dello Stelvio in moto è un percorso di alta montagna, che richiede quindi un abbigliamento adeguato alle temperature, anche durante i mesi estivi. Durante i mesi di apertura, in genere da fine maggio a ottobre, la strada è sempre piuttosto trafficata: durante tutto il tracciato, è necessario prestare la massima attenzione agli altri utenti della strada, riducendo la velocità e gestendo nel migliore dei modi andatura e controllo del mezzo.

Altre attività al passo dello Stelvio

A differenza di quanto si possa pensare, la zona del passo dello Stelvio ha tanto altro da offrire oltre allo sci e alla mountain bike. Gli innumerevoli rifugi presenti in zona offrono infatti al visitatore ogni tipo di comodità e un relax assoluto, godendo della meravigliosa vista che la montagna regala ai turisti. Sempre all’interno delle strutture ricettive è possibile gustare dell’ottima cucina valtellinese e vivere divertenti momenti di svago immersi nella natura.

Le vicine terme di Bormio poi, offrono quelle coccole in più di cui molti sentono la necessità e il piacere di concedersi quando si trovano in zona, arricchendo così la propria esperienza allo Stelvio con dei momenti di grande relax.