Passo del Mortirolo

Il passo del Mortirolo, detto anche passo della Foppa, è un valico alpino di 1.852 m s.l.m. che mette in comunicazione la Valtellina con la Val Camonica.

Il passo del Mortirolo, detto anche passo della Foppa, è un valico alpino di 1.852 m s.l.m., che mette in comunicazione la Valtellina con la Val Camonica, collegando la provincia di Sondrio con quella di Brescia, attraverso i comuni di Mazzo in Valtellina e Monno.

Meta di pellegrinaggio per ciclisti

Considerato per anni soltanto una strada secondaria, il Passo del Mortirolo è salito alla ribalta nel 1990, quando è stato inserito nel percorso del Giro d'Italia. Soltanto 4 anni dopo, la fuga in solitaria di un giovane ciclista emergente, chiamato Marco Pantani, l'ha reso celebre in tutto il Mondo e una meta ambita per tutti gli amanti della "due ruote".

Ad oggi il Passo del Mortirolo è una vera e propria meta di "pellegrinaggio" di ciclisti e cicloamatori, grazie alle sue pendenze costanti e molto accentuate.

Scalata al Passo del Mortirolo

Il 12,5 km di scalata del versante valtellinese del Passo del Mortirolo, quello che sale da Mazzo di Valtellina, sono considerati una delle salite più dure d'Europa, assieme allo Zoncolan e all'Angliru. Dotata di un fondo completamente asfaltato, la strada del Mortirolo è perfetta per chi preferisce la bici da corsa.

I primi 5,5 km di salita sono i più duri, con pendenze che continuano inesorabilmente a salire già dai primi tornanti, arrivando anche a toccare il 18%. Gli ultimi chilometri sono invece più pedalabili e alternano tratti impegnativi ad altri in cui si può riprendere fiato. La pendenza media della salita supera il 10%, mentre la massima arriva al 18%, per un dislivello totale di circa 1300 m. Già dai primi tornanti le pendenze continuano inesorabilmente a salire. 

Vedi itinerario per bici da corsa: Passo del Mortirolo da Mazzo

Sempre sul versante valtellinese, sono presenti altre due salite verso il Passo del Mortirolo: la salita da Grosio le pendenze sono più dolci e la strada è più panoramica, mentre da Tovo S. Agata la salita arriva a toccare pendenze del 23% nel tratto finale. Tale salita ha fatto più volte parte del percorso della gran fondo dello Stelvio Santini.

Molto conosciuta è anche la scalata del versante bresciano: la partenza è da Monno e la salita è meno impegnativa di quella valtellinese, ma saprà mettere a dura prova anche i più allenati.

Vedi itinerario: Passo del Mortirolo da Monno

Raggiungere il Passo del Mortirolo

Il passo si può raggiungere dalla Valtellina partendo da Mazzo di Valtellina (bivio sulla Strada statale 38 dello Stelvio) oppure da Grosio secondo due differenti percorsi che risalgono lo stesso versante e si ricongiungono in seguito, pochi chilometri prima del passo.

Il Passo del Mortirolo è soggetto a chiusura nel periodo invernale.